Pnei e visione della realtà in Oriente ed Occidente!

Occidentali e orientali vedono il mondo in modo diverso, dando peso a differenti aspetti della stessa realtà. E’ quanto dimostrato da Richard Nisbett dell’Università del Michigan ad Ann Arbor, in un lavoro pubblicato sui Proceedings of the National Academy of Sciences (PNAS).

Di fronte alla stessa immagine un gruppo di americani si concentra più su dettagli e oggetti in primo piano, mentre un gruppo di cinesi ha una visione più complessiva della foto, concentrandosi maggiormente sul contesto generale in cui gli oggetti sono ripresi, piuttosto che sugli oggetti stessi. “Vi sono molte evidenze aneddotiche di come occidentali e orientali abbiano discordanti visioni del mondo – dichiara Nisbett, eminente sociopsicologo; abbiamo quindi voluto allestire un esperimento per verificare se ciò sia traducibile in reali differenze in cosa effettivamente vedono. Per farlo, i ricercatori hanno coinvolto due gruppi di studenti, uno di nascita americana e con antenati di origine europea, un altro di cinesi.

A tutti loro, il team di psicologi ha chiesto di osservare delle fotografie. Le immagini mostravano sempre un oggetto in primo piano con uno sfondo ad esso accoppiato, per esempio una tigre nella giungla. I ricercatori si occupavano nel frattempo di seguire i movimenti oculari degli studenti.

È emerso che questi movimenti sono molto diversi: gli “occhi americani” si soffermano più sul protagonista della foto (la tigre), quelli “cinesi” più sul contesto (la giungla). “Gli americani eseguono una disamina attenta e dettagliata delle cose – afferma Nisbett – focalizzando l’attenzione nel collocare i singoli oggetti in categorie e cercando di capire le sottostanti regole”. Al contrario, i cinesi sposano una filosofia olistica osservando un oggetto in relazione al tutto. Secondo Nisbett questi due distinti schemi di visione si sono sviluppati per le differenti concezioni del mondo alla base di queste due culture: “l’armonia è un’idea centrale per i popoli orientali; in occidente, invece, la vita è incentrata sul raggiungimento degli obiettivi che ci si prefigge”.

Differenze simili sono già state individuate in altri ambiti come nell’apprendimento del linguaggio – fanno notare gli psicologi. “Capire che esiste una differenza reale nel modo in cui persone di diverse origini pensano – conclude Nisbett – dovrebbe formare la base per il rispetto reciproco”.

Pnei e visione della realtà in Oriente ed Occidente, a cura della Dott.ssa Maria Corgna, specialista in Endocrinologia – Agopuntore ed esperta in Medicina Naturale.

www.pneisystem.com | www.mariacorgna.it

ARCHIVIO ARTICOLI